Home»Cronaca»CIAHOPPER: IL MOTORINO VINTAGE SI FA CUSTOM

CIAHOPPER: IL MOTORINO VINTAGE SI FA CUSTOM

0
Shares
Pinterest Google+

Abbandonato in una cantina per diversi anni, un vecchio Piaggio Ciao diventa la base per un chopper anni settanta.

Il progetto nasce dalla scommessa di una giovane appassionata di motori: re- interpretare in chiave custom un comune ciclomotore a pedali che non abbia paura  di sfigurare davanti ai big twin americani, la scelta più frequente per questo tipo di preparazioni.

Piccolo, maneggevole e molto stiloso Ciahopper dimostra che nella realizzazione di una special l’esclusività della base di partenza non è l’unica strada per ottenere un mezzo unico.

 

Chi ha detto che per fare un chopper bisogna per forza avere un big twin americano o comunque una moto di grossa cilindrata?

Non si può fare un mezzo unico e divertente senza spendere un budget faraonico nell’acquisto della base?

Da queste due domande nasce Ciahopper, un chopper realizzato sulla base di un ciclomotore  a pedali e nato dalla fantasia di Liliana Oliosi, una giovane ragazza appassionata di  motori.  L’idea dietro al progetto è quella di stupire, con soluzioni inaspettate su questo genere di mezzi e con grande attenzione ai piccoli dettagli, chi pensa che un banale motorino non possa competere in stile con motociclette più grandi, nobili e costose.

Oggetto prima di un meticoloso ripristino delle componenti rovinate dal tempo, Ciahopper ha successivamente subito diverse modifiche. Ad eccezione dei cerchi raggiati, dei comandi manubrio originali, del carburatore e di pochi altri componenti, le parti del ciclomotore sono state tutte modificate o sostituite: il mezzo monta oggi una forcella anteriore su misura allungata, fari tondi small-size, parafango in alluminio tagliato e piegato a mano, sella singola con molle, manubrio ape- hanger, sissy-bar e silenziatore curvati artigianalmente.

Un supporto ancorato al telaio ospita il serbatoio recuperato da un Bianchi Aquilotto, che in realtà nasconde un vano portaoggetti il cui meccanismo di apertura è ricavato dal tappo originale (per il carburante viene utilizzato il serbatoio del Ciao).

Oltre alle attenzioni estetiche, il mezzo ha ricevuto un nuovo gruppo termico Pinasco, che porta la cilindrata a 60cc.

Il tocco di classe finale è dato dalle abbondanti cromature e dalla verniciatura in colore Bleu de France, oltre che dalla grafica glitter a bottoni del vano portaoggetti a sua volta coordinata con il casco jet.

Presentato nell’estate 1967 e rimasto in produzione per 39 anni, il Piaggio Ciao rappresenta uno dei modelli di maggior successo dell’azienda di Pontedera: con oltre tre milioni di pezzi, venduti in 39 anni di produzione, è stato il primo mezzo con il quale i giovani italiani hanno iniziato a muoversi autonomamente, con attenzione all’economia di gestione, oltre che veicolo d’elezione per le piccole commissioni urbane o di campagna.

Ciahopper non è solo un omaggio al mezzo a due ruote che ha motorizzato più di una generazione di adoloscenti in Italia nel cinquantesimo anno dalla sua commercializzazione, è anche un tributo ai tentativi di altre case motociclistiche nostrane di declinare nelle piccole e piccolissime cilindrate, con tanto coraggio e minor fortuna, la subcultura chopper figlia di film culto come Easy Rider.

Oltre all’impegno diretto della committente Liliana nelle diverse fasi, il progetto ha visto il coinvolgimento di diverse realtà: Motomorphosy, piccolo atelier milanese di customizzazione di motociclette, ha curato studio e realizzazione del progetto con costruzione artigianale di tutte le  parti custom mentre tre appassionati (Agostino Sasso, Davide Rampini e Cesare Sasso) si sono occupati del restauro delle parti originali. Hanno inoltre partecipato in qualità di partner del progetto Pinasco e Donneinsella. Donneinsella Magazine è il media partner dell’iniziativa.

Caratteristiche tecniche

Ciclomotore Piaggio Ciao Super Comfort Arcobaleno Anno di produzione: 1974

Motore

  • Gruppo termico Pinasco “Kit Piaggio Ciao 60cc SP 12” in alluminio con riporto al Nicasil
  • Cilindrata: 60cc
  • Raffreddamento: ad aria forzata
  • Avviamento: a pedale
  • Alimentazione: carburatore Dell’Orto SHA 10-12
  • Frizione: automatica
  • Cambio: automatico con variatore
  • Trasmissione finale: a cinghia

Ciclistica

  • Telaio: in lamiera d’acciaio
  • Freno: tamburo anteriore e posteriore
  • Cerchi: 17’’ a raggi (ant. e )
  • Pneumatici: Mitas MC11

Principali modifiche apportate

  • Forcella anteriore artigianale rialzata di 6 cm
  • Manubrio ape-hanger su misura, prodotto artigianalmente
  • Sissy-bar su misura, prodotto artigianalmente
  • Silenziatore su misura, prodotto artigianalmente
  • Parafango in alluminio su misura piegato manualmente
  • Vano porta oggetti ricavato da un serbatoio di provenienza Bianchi Aquilotto
  • Proiettore anteriore e fanale posteriore Bates small-size
  • Sella monoposto Biltwell a molle
  • Pedali custom
  • Verniciatura in colore Bleu de France con elementi glitter a bottoni