Home»Economia»“RESTO AL SUD” CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER GIOVANI IMPRENDITORI NEL MEZZOGIORNO

“RESTO AL SUD” CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER GIOVANI IMPRENDITORI NEL MEZZOGIORNO

0
Shares
Pinterest Google+

Resto al Sud” è il Decreto 9 novembre 2017 n. 174 pubblicato dal Ministero per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, sulla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 5-12-2017 allo scopo di incentivare i giovani imprenditori under 35 all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

E’ previsto un fondo finanziario di 1 miliardo e 300 milioni di euro di cui il 35%, a fondo perduto, dell’investimento dal Fondo Sviluppo e Coesione e il 65% da finanziamento bancario a tasso zero per incentivare l’imprenditoria giovanile nel Sud Italia.

Il provvedimento è entrato in vigore il 06/12/2017, le domande potranno essere presentate ad Invitalia dal 15/01/2018.

L’art. 1 comma1 lettera t chiarisce che il soggetto gestore è “…l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. –  Invitalia  che  svolge gli adempimenti tecnici  e  amministrativi  sulla  base  di  appositi accordi convenzionali sottoscritti…

Il provvedimento, denominato “Resto al Sud”, è rivolto a giovani imprenditori nel Mezzogiorno, di  “…età compresa tra i 18 ed i 35 anni e che presentino i seguenti requisiti:

a) siano residenti nelle regioni di cui al comma 1 al momento della presentazione della domanda  o vi trasferiscano la  residenza  entro sessanta  giorni  dalla comunicazione del positivo esito dell’istruttoria di cui al comma 5, o entro centoventi giorni se residenti all’estero;

b)  non  risultino  già  titolari  di  attività  di impresa in esercizio alla data di entrata in vigore del presente decreto o beneficiari, nell’ultimo triennio, di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità.”

L’art.11 (Erogazione delle agevolazioni) stabilisce che:

  1. L’erogazione del contributo a fondo perduto avviene su richiesta del soggetto beneficiario  firmata digitalmente dal legale rappresentante, mediante presentazione di  stati  avanzamento  lavori (SAL) in numero non superiore a due. Le richieste  dovranno  essere inviate utilizzando la procedura informatica messa a disposizione nel sito internet del  Soggetto gestore, ww.invitalia.it,  secondo  le modalità e gli  schemi  pubblicati con il provvedimento di cui all’articolo 2, comma 2; tali schemi sono, inoltre, resi  disponibili dal Soggetto gestore, in un’apposita sezione del suo sito. Il mancato utilizzo dei predetti schemi nonchè l’invio della richiesta con modalità diverse da quelle  indicate, costituiscono motivo di improcedibilità della richiesta.

  2. La prima richiesta di erogazione del contributo a fondo perduto puo’ avvenire soltanto successivamente all’avvenuta erogazione  del finanziamento bancario da parte della banca  finanziatrice.  La richiesta, inoltre, deve riguardare almeno il cinquanta per cento del programma di spesa, ed avviene mediante la presentazione di documenti di spesa di pari valore anche non quietanzati e di una dichiarazione attestante la presenza dei beni presso l’unita’ produttiva.

Ciascun soggetto richiedente potrà ricevere un finanziamento fino ad un massimo di 50.000 euro. Nel caso in cui l’istanza sia presentata da più soggetti  richiedenti, già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, l’importo massimo del  finanziamento è pari a 50.000 euro per ciascun soggetto richiedente fino ad un ammontare massimo complessivo di 200.000 euro.  Per  le  attività imprenditoriali nel settore della pesca e dell’acquacoltura l’importo complessivo degli aiuti de minimis non può superare, per ciascuna impresa beneficiaria delle agevolazioni di cui al  presente decreto, 30.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari, ai sensi del regolamento UE n. 717/2014.

Per ulteriori approfondimenti: Decreto 9 novembre 2017, n. 174 – Regolamento concernente la misura incentivante «Resto al Sud» di cui all’articolo 1, del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2017, n. 123. (17G00188) (GU Serie Generale n.284 del 05-12-2017)